Blog che tratta recensioni di cosmetici e makeup ecobiologici. Solo prodotti naturali.

venerdì 12 dicembre 2014

Henné&erbe tintorie: Robbia, Katam, Ibisco!

Hennè ed erbe tintorie: la mia esperienza

Finalmente oggi mi sono decisa a scrivere questo post sull' henné, che avevo in mente già da diverso tempo. Vi parlerò un po' della mia esperienza, di tutto quello che in questi anni sono riuscita a capire (e sicuramente chissà quanto altro ancora ho da imparare) e dei vari esperimenti fatti, con mix e ingredienti diversi. Come tutti noi sappiamo, è molto difficile pianificare e riuscire ad ottenere un determinato colore sui nostri capelli, proprio l'esatto colore che vogliamo, è difficile perchè ogni capigliatura reagisce in maniera diversa agli stimoli tintori, e questo vale anche per le tinte chimiche. Figuriamoci per l'hennè! Quindi quando si parte proprio dall'inizio, è molto importante fissarsi in testa che bisogna sperimentare e sperimentare, essere anche pronte al rischio che il colore iniziale non ci soddisferà, fa niente! Non abbiamo creato un gran danno e con il tempo riusciremo sicuramente a trovare la combinazione adatta per i nostri gusti e per i nostri capelli.
hennè-capelli

Io ho cominciato questa esperienza circa 3 anni fa. Ricordo che ero piuttosto stufa di stressare i miei capelli con le tinte chimiche, perchè inutile negarlo, gli effetti negativi sui capelli si vedevano eccome: sfibratissimi, deboli, fini.
Ricordo anche che inizialmente non sapevo nemmeno che l'hennè potesse avere proprietà curative notevoli, ma pensavo che servisse semplicemente per colorare i capelli in maniera più naturale. Un bel giorno, spinta dalla curiosità e dalla voglia di modificare la mia routine capillifera, decisi di informarmi meglio. Mi dissi che in fin dei conti, dato che era il rosso il colore a cui puntavo (è sempre stato il colore che mi è piaciuto per eccellenza, sebbene nel corso degli anni ce li abbia avuti anche viola, nero blu, nero corvino, ecc ecc :D), perchè non potevo provare ad ottenerlo con metodi più naturali? Fu allora che mi si è aperto un mondo, il magico mondo dell'hennè. Ricordo benissimo la grandissima confusione delle prime ricerche: scoprire innanzitutto che l'hennè non serviva solo a colorare ma anche a curare i capelli, le varie sfumature di colore che non sapevo come ottenere, e non sapere nemmeno che ingredienti utilizzare per formare il composto, dato che mi sembrava che ognuno ne utilizzasse di diversi. Con il passare del tempo poi si è rivelato tutto più facile, ho imparato che gli hennè non sono tutti uguali ma danno sfumature diverse in base ai luoghi di provenienza, che non c'è nessun ingrediente basilare da utilizzare per formare il composto (acqua a parte ovviamente) ma che ognuno deve solo seguire ciò che i suoi capelli gli indicano. Ho imparato che oltre alla Lawsonia Inermis (hennè) ci sono tante altre erbe tintorie che possiamo utilizzare per "aggiustare" il tono rosso dell'hennè e farlo virare in base alle nostre preferenze ad altri colori, ecc. ecc. Io da sempre sono stata fissata con il colore rosso ciliegia per esempio, come vi spiegherò in seguito, e se dapprima utilizzavo solo l'hennè per ottenerlo, dopo ho imparato anche ad utilizzare altre erbe tintorie e capire quali fossero più adatte per le mie esigenze e con quali riuscivo ad ottenere l'esatto colore che volevo. La natura ci ha fornito davvero tante possibilità per ottenere dei colori fantastici e naturali, perchè non sfruttarli?

CHE INGREDIENTI UTILIZZO INSIEME ALL'HENNÈ?
Ho cominciato a fare l'hennè miscelandolo insieme ad un infuso di karkadè, ad uno yogurt e all'aceto. Ho finito con il miscelarlo attualmente solo con l'infuso di karkadè (o anche solo acqua)!
Lo yogurt serve a donare maggiore morbidezza ai capelli, ed è utile soprattutto per chi ha la cute secca.  Io ho la cute grassa e non ho notato nemmeno grandi cambiamenti tra l'utilizzarlo o meno, quindi ho preferito far senza.
Per quanto riguarda invece l'aceto, mi provocava un forte prurito soprattutto una volta sciacquato via il pappone, e mi rimaneva per i giorni successivi. L'ho sostituito per un certo periodo di tempo con il limone: qui la situazione sembrava andar meglio, ma comunque un certo prurito continuava a persistere, soprattutto il primo giorno. Le sostanze acide all'interno del composto dovrebbero servire a fissare meglio il colore e a farne sprigionare di più durante la fase di ossidazione. Ma ritengo che l'hennè già di per sè abbia un potere seboregolatore eccezionale, e che l'aggiunta di ulteriori elementi astringenti possono a lungo andare seccare veramente troppo la cute. Sinceramente non ho notato nessun grande cambiamento tra l'aggiunta di elementi acidi o meno: anche con sola acqua il colore dell'hennè prende alla grande e in maniera altrettanto intensa, quindi le sostanze acide me le evito tranquillamente e la mia cute ringrazia.
L'infuso di karkadè invece può aiutare l'hennè a virare verso un colore rosso ciliegioso. A tal proposito però, credo che sia meglio utilizzare anche la polvere di Ibisco (che altro non è che il karkadè stesso) che ha un potere tintorio riconosciuto. Io preferisco utilizzare sia la polvere (di cui ve ne parlerò più avanti) sia l'infuso, anche perchè quest'ultimo lascia all'interno della pappina un odore fruttato gradevole (quindi utile per contrastare l'odore stesso di hennè, per chi non lo sopportasse). 

QUALI ERBE TINTORIE UTILIZZO IN AGGIUNTA ALL'HENNÈ?
Ci ho messo più di un anno per scoprire che esistessero altre erbe tintorie per intensificare/variare il colore dell'hennè! :D
Quelle che a me interessano maggiormente sono quelle che aiutano ad ottenere un rosso freddo ciliegioso/violaceo, che come vi dicevo, è il mio colore preferito in assoluto, quindi vi parlerò di quelle che ho utilizzato io a tale scopo.

robbia

La prima scoperta che ho fatto è stata la Robbia (Rubia cordifolia). Questa pianta tintoria tinge di rosso, ma non è molto indicato utilizzarla da sola poichè il potere tintorio non è altissimo e tenderebbe a svanire nel giro di poco. E' più indicato invece utilizzarla in aggiunta all'hennè, per rafforzarne i riflessi rossi. Su di me la Robbia faceva virare maggiormente i riflessi su un rosso ciliegioso, ma a dirla tutta, trovo che sia un po' scomoda da utilizzare. Perchè macchia terribilmente. Sia il cuoio capelluto, rendendolo rosso fuoco, sia i materiali utilizzati per la preparazione dell'hennè. Macchia davvero tutto. Sulla cute inoltre non svanisce nel giro di poco, ci vogliono all'incirca due lavaggi con shampoo affinchè si attenui il colore rosso della Robbia, e sinceramente non mi faceva un gran piacere andarmene in giro con la testa color peperone!


ibisco
Successivamente ho poi scoperto l'Ibisco (Hibiscus). Sapevo che l'infuso di Ibisco poteva aiutare l'hennè a raffreddare il colore facendolo virare ad un rosso freddo ciliegia, ma non sapevo ancora che oltre agli infusi in commercio era disponibile anche la polvere di Ibisco, con un potere tintorio riconosciuto (a differenza dell'infuso). I toni tintori che dona l'Ibisco variano dal rosa al prugna scuro. Inoltre, oltre alle sue proprietà tintorie, dispone anche di proprietà curative di notevole rilievo: anticaduta, astringenti, volumizzanti. L'Ibisco lo utilizzo attualmente in aggiunta all'hennè e utilizzandone una certa quantità anche nelle maschere viso che abitualmente faccio, appunto per le proprietà purificanti di cui dispone.



katamOltre all'Ibisco, utilizzo anche il Katam (Buxus dioica), infatti quest'ultimo se aggiunto in piccole quantità all'hennè, aiuta ad ottenere un tono più rosso freddo, violaceo e prugnoso. Attenzione a non esagerare però, poichè è un'erba tintoria che tende a scurire parecchio i capelli, e se utilizzato in quantità di una certa consistenza, otterrete invece un colore castano scuro. 
Quindi come vi dicevo, ultimamente il mio mix preferito è più o meno questo: Henné freddo (50%), Ibisco (30%), Katam (20%). Le percentuali sono ovviamente indicative, non sto lì con il misurino! :D
E riesco ad ottenere un bel colore rosso ciliegioso con varie sfumature violacee, a seconda della luce. 

QUALI MARCHE DI HENNÈ UTILIZZO?
La prima volta in assoluto che ho deciso di fare l'hennè, mi sono rifornita presso il sito Erbe di Janas. Trovo che l'hennè di Janas sia davvero di ottima qualità, poco sabbioso e con un potere tintorio molto buono. Presa dall'entusiasmo di avvinarmi a questo mondo, non ordinai mica un pacchettino da 100 gr., ma ne ordinai mezzo kg! E avendo i capelli spesso corti e fini, il rifornimento mi è durato circa un anno. Il costo è di € 5,00 per 100 gr.
Janas dispone di due tonalità di hennè: hennè rosso caldo ed hennè rosso freddo.La pianta di riferimento è sempre una sola, Lawsonia Inermis, ma credo che in base alla zona di coltivazione della pianta, si possono ottenere dei riflessi più caldi e ramati, oppure dei riflessi più freddi e ciliegiosi. Di solito gli hennè nordafricani, come quelli egiziani e marocchini, regalano dei toni caldi, mentre gli hennè indiani e pakistani dei toni freddi. Indovinate io quale ho ordinato?
Un altra marca di hennè che ho avuto modo di provare è la marca Zarqa, reperibile in alcuni store, ma che io ho acquistato sul sito Spice of India facendo un ordine cumulativo insieme ad altre ragazze (di cui vi ho parlato qui). Su questo sito l'hennè Zarqa costa pochissimo, £ 0.85 per 100 gr. e anche la sua qualità è ottima, secondo me paragonabile tranquillamente a quello di Janas. Il colore è un mogano/ciliegioso su di me (su alcune persone, più raramente, può invece virare ai toni ramati).

Uno degli hennè più famosi e che sono riuscita a reperire è il Jamila (che io ho acquistato tramite Ebay da una ragazza). Molte persone concordano nel dire che sia il migliore hennè in circolazione (nonchè anche costoso, di solito il prezzo si aggira sui 6-7 euro per 100 gr.). Dalla mia esperienza ho notato che è un hennè molto cremoso, il più cremoso che abbia mai provato, e con una stendibilità eccellente. Il colore che ne viene fuori è un rosso mattone, non freddissimo, ma nemmeno caldo.

Infine, una delle ultime scoperte è stato l'hennè Khadi Rosso Jatropha. Che dire, mi è piaciuto tantissimo! Questo hennè non è composto da sola Lawsonia Inermis, ma anche da un mix di erbe curative e tintorie. Trovo che sia l'hennè che mi abbia colorato di più in assoluto, è venuto fuori un bel rosso freddo e vivo. Sicuramente lo riacquisterò.

Una marca di hennè che invece non ho ancora provato ma di cui sarei curiosa è sicuramente il Rashmi, che credo sia l'unico hennè in grado di far virare il colore così tanto verso un prugna violaceo, rispetto a tutti gli altri hennè. Il costo di questo hennè è sempre basso, credo sia intorno ai 2 euro, il problema è la scarsissima reperibilità. Online non si trova da nessuna parte, si potrebbe reperire solo presso alcuni negozi indiani, che nella mia zona purtroppo ancora non ho trovato.


ULTIMA HENNATA E RELATIVI RISULTATI
Bene, dopo avervi ammorbati/e con questo post infinito, vi mostro i risultati della mia ultima hennata, di cui avevo parlato qualche giorno fa sulla mia pagina facebook. 
In serata ho preparato l'hennè, solo con infuso di karkadè. Ho lasciato ossidare tutta la notte. L'indomani mattina ho preparato il miscuglio di Katam, con acqua e un pizzico di bicarbonato e lasciandolo a macerare per 10 minuti, e di Ibisco. Dopodiché ho aggiunto Katam e Ibisco nella pappina dell'hennè e questo è quello che ne è venuto fuori:

preparazione-hennè



Successivamente ho messo tutto in testa e tenuto su circa 4 ore. Il risultato è il seguente. Potete vedere a sinistra il colore dei capelli all'ombra, a destra sotto la luce del sole.

hennè-capelli


Il risultato mi ha lasciata abbastanza soddisfatta, purtroppo complice la pessima qualità della mia fotocamera, le foto non rendono a dovere. Trovo che l'hennè abbia un qualcosa di miracoloso. Sia per gli splendidi colori che ci riesce a regalare naturalmente, sia per le sue grandi qualità seboregolatori e curative. L'indomani avevo ancora i capelli perfettamente puliti, come se li avessi appena lavati. Ecco, questo risultato non riesce a darmelo nemmeno il migliore shampoo ecobio provato finora, o la migliore erba ayurvedica o argilla. L'hennè è l'hennè, c'è poco da fare! :D


SHARE:

24 commenti

  1. Interessantissimo post!!! Ma soprattutto hai dei capelli fantastici!! ^_^
    Per 9 mesi ho usato anche io l'henné (rosso freddo delle erbe di Janas) con l'ibisco, ma poi ad un certo punto mi ero stancata dei capelli rossi ed ho deciso di tornare al mio colore naturale: il nero. L'ho fatto con l'indigo puro, che agisce esattamente al contrario dell'henné, nel senso che non va acidificato, anzi, deve stare in ambiente basico; va tenuto solo 2 ore (l'henné decisamente di più); macchia i sanitari (l'henné no); macchia il collo di blu per i successivi 7-10 giorni dopo la tinta (l'henné no); è fortemente seboregolatore perché mi tiene i capelli puliti 4 giorni (con la lawsonia devo lavarli 48 ore dopo perché si sporcano subito). In ogni caso mi piace molto il risultato dell'indigo sui miei capelli, quindi ne vale la pena. Su di me fa tantissimo effetto seboregolatore anche la cassia!! ^_^
    Bacione!! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, grazie mille, sempre bello ricevere complimenti per i capelli!! :D
      Io l'indigo non l'ho mai utilizzato perchè finora non sento necessità di scurire eccessivamente (ma mai dire mai nella vita, come si suol dire) però cavolo, se dici che ha un effetto seboregolatore così potente sono davvero tentata! Strano che l'hennè invece non te lo dia, per me da quel punto di vista è perfetto, capelli pulitissimi. Sono tentata di comprare la cassia per le sue notevoli proprietà sgrassanti! Comunque per scurire è indicato anche il Katam, che ha un effetto simile all'Indigo (ma con riflessi più violacei anzichè bluastri) e dovrebbe anche scaricare meno in fretta.
      Se un giorno decidi di fare qualche pazzia e provarli entrambi o miscelarli, fammi sapere!!! :D
      Bacio grande :*

      Elimina
  2. Che post lungo! Ma interessantissimo! ^.^
    Anche io metto il karkadè al posto dell'acqua, ma non sapevo dell'esistenza della polvere di ibisco, se la trovo la compro pure io. Come marche uso sempre janas, ma preferisco quello ayurvedico e caldo, anzi, se non l'hai già provato prova l'ayurvedico che è ricco di erbette (anche se il tono è più caldo che freddo, almeno così sembra).
    Sono incuriosita dall'ordine cumulativo a spiace of India, vado a sbirciare il tuo vecchio post!
    *3*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, avevo già letto il post sulle erbette! Che sbadata! (>_<)'

      Elimina
    2. Eh sì, è venuta fuori una cosa abnorme a livello di lunghezza! :D
      La polvere di Ibisco è sempre della marca di Janas, quindi online la trovi sicuro, ma anche con facilità nei negozi fisici ecobio. Se anche il tuo intento è un colore più ciliegioso, l'Ibisco te lo straconsiglio, compralo appena puoi!
      Ho sentito parlare bene anche dell'hennè ayurvedico, ha tutte quelle erbette interessanti lì dentro *.* il riflesso che tende a dare credo sia soggettivo, ho letto alcuni pareri che reputano addirittura più freddo l'ayurvedico dell'hennè rosso freddo. Prima o poi lo compro!
      Quando faccio il prossimo ordine da SOI sicuramente faccio un'altra recensione :P

      Elimina
  3. Ciao cara..rieccomi qui! :-)
    Intanto complimenti per il post, è ben approfondito ed esaustivo.
    Il tuo colore è molto carino, ha delle sfumature rosate :-O
    Mi stai facendo venire voglia di provarlo!
    Però dopo tanti anni di rosso, nelle sue diverse sfumature, sono stanca, ho voglia di castano..anzi avrei voglia di riavere il mio colore naturale!
    Dico basta alle tinte chimiche,anche se mi avvio verso un'età in cui inizieranno a crescermi i capelli bianchi (ne ho ben TRE sulla frangia!), ma non m'importa, magari un bell'hennè castano me li copre dolcemente, dandomi un bell'effetto naturale...voglio provare!
    Voglio l'hennè migliore che esista..castano e non sabbioso, chiedo troppo?
    Dove potrei trovarlo?
    :-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima!
      Grazie mille! Sì sono venuti fuori dei riflessi multicolor, ahahah :D
      Guarda, se ricerchi un castano, non puoi orientarti solo sull'hennè, in quanto l'hennè tinge di rosso, rosso puro. Quindi dovresti orientarti o verso altre erbe tintorie oppure verso una miscela di erbe (ce ne sono un po' in circolazione).
      So che è di ottima qualità quella Khadi, castano scuro, è composta dall'hennè+altre erbe tintorie e curative.
      Oppure puoi guardare le miscele Phitofilos, che ultimamente vanno per la maggiore e sono di ottima qualità anche queste, sempre composte da varie erbe e mi pare abbiano almeno un paio di sfumature per il castano.
      Sennò puoi anche provare a fare delle miscele da sola, magari con il tempo ci prendi gusto! Katam, mallo di noce, amla, hennè. Sono tutte combinazioni che puoi provare per ottenere un effetto castano! Ti avviso che se entri nel mondo delle erbette non ne esci più, creano dipendenza! :D

      Elimina
  4. Woaaaaaaaaaaaaa sei davvero avanti!! Io l'ho fatto per un periodo, la cassia ed ho tratto enorme giovamento sul versante della dermatite seborroica ma...sono troppo pigra per poterlo fare con continuità ( mi auto lancio ortaggiXD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahah il tuo commento mi ha fatta proprio sorridere! :D Grazie!!!
      Cavolo allora devo provarla anch'io la cassia, anche perchè mi pare che tende a ravvivare anche i riflessi dei capelli!
      Sì diciamo che tra preparazione ed applicazione delle erbette si perde un po' di tempo e non sempre se ne ha voglia (nemmeno io). Anche se lo fai una volta al mese i benefici li ricavi lo stesso, imponiti di fare almeno quello!!! :D
      Buona giornata cara :*

      Elimina
  5. Io ho fatto l'hennè per molti anni poi volevo qualcosa di più deciso e sono passata alla tintura rossa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se si cercano tonalità "forti" e si parte da una base scura, sicuramente non è facile, e in alcuni casi non è possibile, ottenerle con l'hennè. Si riescono ad ottenere dei riflessi più o meno evidenti, quello sì. Però diciamo che considerando anche tutti gli effetti curativi che l'hennè garantisce, al contrario delle tinte chimiche che tutto fanno anzichè curare, io credo che sia comunque meglio orientarsi sull'hennè :D

      Elimina
  6. Ciao Véronique! Complimenti per il post molto dettagliato e ricco di consigli utili. Molto bello il colore che hai ottenuto, i riflessi sono favolosi!
    Io amo il castano che riesco ottenere usando un mix di katam e lawsonia. Peccato però che il katam si riesca trovare sempre di meno in giro. In Italia l'ho trovato solo in un ecommerce online curavisoecapelli.it sui 9 euro 100g, ma piuttosto che affidarmi ad una spedizione estera..cmq le recensioni che ci sono sul sito sono vere, la qualità è davvero ottima. Viva le erbe tintorie che ridanno vita ai ns. capelli! Grazie per aver condiviso la tua esperienza con noi <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, ma grazie a te per aver letto e commentato! :D
      Sì, ho capito a quale sito ti riferisci, non l'ho mai provato da lì il Katam, ma come dici tu qui in Italia è rimasta una delle poche alternative, perchè Janas non lo vende al momento. Io credo che lo ordinerò da qualche sito estero, tipo Aromazone. Più che altro perchè ogni volta faccio scorta di varie erbe, quindi se posso risparmiare qualcosina ben venga. Grazie per essere passata di qui e buona giornata <3

      Elimina
  7. Ciao Veronique, complimenti per il blog!!
    vorrei passare da tinta chimica al colore con henné e al momento li ho violacei, praticamente come quelli della tua foto in questo post! però dopo pochi lavaggi diventano più tendenti al rossiccio. Che consigli daresti a una "nuova" come me? vorrei mantenerli scuri con riflessi viola.. la formula che hai indicato hennè freddo, ibisco e katam, mi interessa molto, potrei provarla, magari su una piccola zona nascosta e vedere come viene. non dovrebbero esserci problemi se i miei capelli sono tinti?
    dove posso acquistare il tutto? grazie mille e buona giornata!
    Nicole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, puoi trovare tutto online o nelle bioprofumerie! :)
      Se l'hennè è puro non dovrebbero esserci reazioni, ma per sicurezza proverei comunque su di una ciocca nascosta, prima. Per quello che vorresti fare tu ti consiglio hennè, ibisco e katam, sì!
      Scusa il ritardo della risposta, ma ho letto solo ora.

      Elimina
  8. Ciao, grazie mille per i consigli! Io non ho i capelli tinti e il mio colore è castano medio-scuro. Non vorrei snaturarlo troppo, vorrei solo dei riflessi prugna e, al limite, scurire un po' il mio castano. Vorrei evitare di usare la lawsonia perché so che si attacca al capello in maniera quasi definitiva. Il tuo mix di ibisco e katam mi sembra molto interessantee vorrei provarlo senza lawsonia. Credi potrebbe darmi il risultato sperato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marti, senza lawsonia la vedo un po' difficile perchè sia katam che ibisco scaricano abbastanza in fretta, la lawsonia aiuta invece a farli legare un po' di più al capello. Puoi comunque provare e vedere se il risultato ti soddisfa, tieni però presente che il katam scurisce abbastanza, quindi se non vuoi scurire troppo usalo con moderazione :-)

      Elimina
  9. Ciao, innanzitutto complimenti per l'articolo. 😍
    Io sarei TAAAANTO interessata ad ottenere un colore simile al Chocolate Mauve ( cerca su Google xD).
    In pratica un castano tendente al rosa, NON ROSSO, e ho letto che l'ibisco si avvicina al rosa.
    Vorrei sapere come dovrei fare per ottenere un colore simile e non farli diventare rossi.
    Grazie in anticipo! 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Il problema è che l'ibisco senza la lawsonia non prende sul capello :D Se hai capelli biondi o comunque chiari, potrebbe dare un tono violetto ma svanirebbe comunque nel giro di poco, se hai capelli scuri, l'ibisco da solo prende pochissimo, nulla direi. Quindi ottenere un tono castano con sfumature rosa ma scongiurando del tutto il rosso, la vedo impossibile :/

      Elimina
  10. Ciao!!!girovagando su Google ho letto il tuo articolo. E siccome anche io come te adoro il rosso ciliegioso vorrei provare a fare il tuo mix di polveri ecc. Ma mi sapresti dire con precisione le dosi?ti ringrazio tanto se mi risponderai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Come scritto io faccio in percentuale 50% hennè, 30% ibisco e 20% katam :-)

      Elimina
    2. Ciao, ho appena letto il post e l'ho trovato interessantissimo. Faccio l'hennè già da un paio di anni ma non ho mai usato l'ibisco e devo ammettere che mi incurosisce. Ho deciso di provare il tuo mix, ma cosa ne pensi se al posto del katam usassi l'indigo nelle stesse percentuali?

      Elimina
  11. Ok grazie mille!!!non vedo l'ora di provare e vedere il risultato!!!

    RispondiElimina
  12. Ok grazie mille!!!non vedo l'ora di provare e vedere il risultato!!!

    RispondiElimina

Blogger Template Created by pipdig