Blog che tratta recensioni di cosmetici e makeup ecobiologici. Solo prodotti naturali.

mercoledì 22 luglio 2015

Idrolato di salvia - La saponaria

Idrolato di salvia: purificante e rinfrescante

Spesso le nostre routine cosmetiche cambiano. Magari prodotti che prima snobbavamo, con il tempo cominciano ad incuriosirci sempre di più e ad entrare passo dopo passo nelle nostre routine. Ecco, ultimamente io mi sento proprio in questa fase di "cambiamento cosmetico": prodotti che prima snobbavo o a cui non badavo più di tanto, come sieri ed idrolati, adesso mi attraggono sempre di più. Perchè li trovo leggeri, freschi, apportano proprietà e principi nutritivi senza però appesantire la pelle.
E per quanto riguarda questo cambiamento, nel campo degli idrolati devo sicuramente ringraziare l'idrolato di salvia, che ho amato fin dal primo utilizzo.


idrolato-di-salvia-la-saponaria


L'idrolato è semplicemente un acqua ottenuta dalla distillazione in vapore di svariate piante.
La saponaria ci spiega benissimo cos'è e come si ottiene un idrolato:

"Acque aromatiche ottenute per distillazione di piante officinali appena raccolte che conservano integre tutte le loro proprietà.
Durante la distillazione della pianta infatti si formano due sostanze: l'idrolato e l'olio essenziale.
Nel primo si concentrano i composti idrosolubili mentre nei secondi quelle liposolubili.
Possono essere la base acquosa perfetta per i vostri cosmetici o essere utilizzati puri sulla pelle, da soli o miscelati tra loro. Sono ottimi tonici utili per rinfrescare la pelle, rimuovere le impurità e utili decongestionante per occhi stanchi."

L'idrolato di salvia, in particolare, è adatto per pelli miste e grasse, grazie alle proprietà purificanti che vanta questa pianta.

" Questo idrolato è adatto a combattere i problemi di pelle grassa e impura. Particolarmente adatto per regolare la traspirazione eccessiva e nella cura dei capelli."

Lo troviamo anche nella formulazioni di svariati cosmetici, come creme, fondotinta e correttori, proprio perchè può costituire un valido aiuto per pelli problematiche che non necessitano di essere appesantite con troppe sostanze oleose.
Io l'ho utilizzato principalmente puro e sul viso.


La primissima sensazione che ho avvertito utilizzandolo per la prima volta è stata un'ondata di freschezza. Un aspetto davvero piacevolissimo, come gettarsi addosso dell'acqua freschissima! Successivamente, un altro punto a favore e che mi ha colpita di questo idrolato è stato il fatto che si assorbisse immediatamente.
Reduce infatti da una pessima esperienza con un tonico che non voleva saperne di assorbirsi, lasciandomi la pelle tutta appiccicosa, ero un po' scettica nei confronti di tonici/idrolati. Invece l'assorbimento dell'idrolato di salvia, fin dalle prime applicazioni, si è rivelato quasi immediato. Insomma, impiega il tempo materiale per asciugarsi sulla pelle e poi può considerarsi completamente assorbito, lasciando spazio ad una pelle liscia, senza avvertire al contempo nessuna sensazione di tiraggio.
Purtroppo però il packaging di questo idrolato non permette di utilizzarlo nel migliore dei modi, e andrebbe secondo me migliorato.
Possiamo vedere infatti che presenta un'apertura molto larga, e questo significa che spesso la quantità che ne fuoriesce è più del dovuto, quindi rischia di andare sprecato.

idrolato-di-salvia


Per ovviare a questo problema ho trasferito l'idrolato all'interno di uno spruzzino dalla plastica scura (se è scura è meglio, in quanto permette una migliore conservazione del prodotto) e in questo modo lo vaporizzo sul viso con 3-4 spruzzate per volta.
Trovo che quest'utilizzo, soprattutto d'estate, sia utilissimo. Come dicevo prima dona una freschezza immediata e aiutare a fronteggiare il caldo torrido proprio di questi giorni. Io infatti ne sto abusando e l'ho quasi terminato.

Un altro impiego molto utile degli idrolati è quello di utilizzarli al posto dell'acqua per diluire maschere per il viso e per i capelli! Per esempio, se dovete preparare qualche maschera purificante, la salvia aiuta a renderla ulteriormente astringente.
L'idrolato lo si può utilizzare anche per diluire gli shampoo, come infatti le recenti novità di Biofficina Toscana ci hanno consigliato.

In ultimo ma non per ultimo, da quando utilizzo la combo idrolato di salvia+crema purificante Alkemilla, ho notato che con il passare del tempo i punti neri del viso sono notevolmente ridotti. Quelli più ostinati continuano a farmi compagnia imperterriti (e sempre negli stessi punti!!) ma ho notato che in molti altri punti si sono ridotti drasticamente. Nessun miglioramento sul fronte brufoli, invece (anche se sotto questo fronte ho avuto netti miglioramenti con il sapone di Aleppo, ma questa è un'altra storia...). Per quanto riguarda la lucidità invece non saprei dirvi, perchè pur avendo una pelle mista non è particolarmente lucida, quindi non ho sentito la necessità di monitorare la situazione.

La profumazione è quella tipica della salvia, quindi aspettatevi un odore erboso ma delicato. Infatti non è per nulla persistente, nè tantomeno annusandolo si percepiscono delle note spiccatamente forti.

Infine, sicuramente un punto a suo favore è il prezzo: 3,00€ per 100 ml.
Che ve lo dico a fare, lo riacquisterò sicuramente! Magari non immediatamente perchè sempre di La Saponaria sono incuriosita dall'idrolato di Hamamelis, anch'esso utilissimo in caso di pelle grassa.

Anche voi vi siete convertite a prodotti che prima snobbavate? Avete provato gli idrolati di La Saponaria?
SHARE:

13 commenti

  1. Io sto usando il tonico di Fitocose all'Hamamelis ma mi sa che non ci siamo: anche a me rende la pelle appiccicosa! non vedo l'ora di finirlo. Questi idrolati mi hanno sempre incuriosita, poi il prezzo è veramente vantaggioso. Mi sa, mi sa...
    *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che i tonici di Fitocose sono tutti un po' una ciofeca "_" infatti dopo l'utilizzo di quello MAI PIU'.
      L'idrolato di salvia te lo straconsiglio, anche perchè abbiamo una pelle simile e sicuramente ti troveresti anche tu. Io ne ho in wishlist un sacco, costano così poco! XD

      Elimina
  2. fino ad un anno fa l'applicazione del tonico era un passaggio che saltavo completamente, figurati gli idrolati che non fra un po' non sapevo nemmeno cosa fossero, oggi mi sono diventati fondamentali :-D .... segno anche se l'idrolato di solito si conserva peggio di un Tonico e quindi tendo a preferire i secondi... un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda io l'idrolato ce l'ho da diversi mesi, tipo 7! Non ho notato nessunissima alterazione. E non ci faccio particolare attenzione, per dire non è che lo lascio in posti freschi (anche perchè con questo caldo ndo stanno?? :D). Comunque assolutamente d'accordo, abbiamo fatto lo stesso percorso!

      Elimina
  3. Avendo un tipo di pelle differente preferisco la versione ai fiori d'arancio, che tra tutti è il mio tonico del cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, la scelta dipende anche molto dal tipo di pelle. Anche se ti dirò, quello ai fiori d'arancio mi incuriosice molto, ne ho lette diverse recensioni positive!

      Elimina
  4. anche io adoro gli idrolati e quelli de La Saponaria li apprezzo particolarmente :) avendo una pelle diversa dalla tua utilizzo quelli ricavati da altre piante, sono un vero toccasana, versatili e utilissimi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ecco, l'aspetto versatile non è da sottovalutare secondo me! Io li utilizzo tantissimo puri sul viso, ma anche il fatto che si possano utilizzare nelle maschere o per purificare/lucidare/rinforzare i capelli fa sì che siano dei piccoli gioiellini :D

      Elimina
  5. Anche io come te non ero propenso ad usare tonici/idrolati e sieri perché pensavo "ma figurati, è acquetta, che vuoi che mi faccia?!" e invece! E' un passaggio ormai indispensabile, e quando vado in vacanza, e magari per comodità non mi porto dietro il tonico, mi manca!
    Comunque questi idrolati di La Saponaria non li ho provati ma mi tentano da molto! Ho utilizzato invece quello di Biofficina Toscana di lavanda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, anche per me ormai sono diventati proprio un passaggio indispensabile di routine! Io di Biofficina Toscana ho invece provato l'idrolato di rosmarino, ho ancora qualche problema con la sua puzza, però :v

      Elimina
  6. io ho l'idrolato alla lavanda, non riesco a terminarlo per via dell'odore e non vedo miglioramenti.. proverò questo alla salvia sperando l'effetto sia migliore! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti consola anche a me non piace per nulla l'odore della lavanda! :D
      L'odore di quello di salvia è piuttosto erbaceo, però a me non dà nessun fastidio :)

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Blogger Template Created by pipdig